VIOLENZA DI GENERE: 2 NUOVE STRUTTURE PER LA PROVINCIA DI FROSINONE LA REGIONE LAZIO RADDOPPIA LA RETE DI CENTRI ANTIVIOLENZA

1-65-25.jpg

Nov 25, 2017 #workinprogress, dbnews, Pari opportunità 0 673 Views

 
L’obiettivo che si siamo dati 4 anni e mezzo fa sta per essere raggiunto: raddoppiare le strutture che accolgono le donne vittime di violenza, portandole a 33 entro il 2018. Erano solo 14 quelle finanziate nel 2013. Per la Provincia di Frosinone apriremo una nuova casa di rifugio e un nuovo centro antiviolenza per sostenere concretamente le donne maltrattate e i loro figli.
 
Così Daniela Bianchi, Consigliera regionale del Lazio del gruppo “Insieme per il Lazio” e vice-Presidente della Commissione Cultura e Pari Opportunità.
 
L’importante risultato per la provincia di Frosinone è arrivato grazie all’investimento da 173mila euro della Regione Lazio sul progetto presentato dall’associazione Auser del Frusinate legato ad una casa rifugio ad Alatri che sarà attiva a partire dal mese di gennaio. Il nuovo centro antiviolenza invece ha ricevuto un finanziamento di circa 60mila euro e sarà aperto ad aprile nell’area del Cassinate.
 
Le nuove strutture, così come stabilisce la legge regionale del 2013, saranno gestite da personale interamente femminile e forniranno aiuto a tutte le donne che ne faranno richiesta. Dal sostegno psicologico a quello legale, dalla protezione e l’ospitalità alla possibilità di iniziare dei percorsi di indipendenza economica, l’obiettivo dei centri antiviolenza è quello di restituire una vita serena alle donne maltrattate e ai loro figli.
 
Per la prima volta nel Lazio è stato anche attivato anche il monitoraggio della rete antiviolenza grazie al quale possiamo sapere che nel 2015 sono state 2728 le donne accolte dai centri, mentre 112 quelle che sono state ospitate nelle case rifugio. Per ogni casa rifugio la Regione stanzia ogni anno 30mila euro, mentre per le case rifugio circa 70mila euro, con un finanziamento che varia in base al numero di donne accolte.
 
Alle pacche sulle spalle e alle belle parole di circostanza la Regione Lazio ha preferito la concretezza, con progetti, strutture ed iniziative utili a chi è vittima di violenza. Solo per il 2017 la Regione ha già stanziato 1 mln di euro per i centri attuali, ed entro il 2018 arriveranno a 23 i centri antiviolenza e a 10 le case rifugio finanziate dalla Regione, che copriranno tutte le province del Lazio.
 
A questo si aggiungono i tanti altri progetti come i 150 percorsi di formazione e di sostegno all’autonomia per altrettante donne vittime di violenza sostenuti con 2mln di euro. Senza dimenticare l’importanza della prevenzione. A settembre abbiamo lanciato l’iniziativa “Oltre l’indignazione l’impegno” alla quale hanno preso parte oltre 60 scuole con 194 progetti presentati. Una grande risposta è arrivata dagli insegnati e dai ragazzi della provincia di Frosinone, con la partecipazione di 11 scuole che hanno presentato 32 progetti.
 
Stiamo anche lavorando per risolvere le difficoltà nei pagamenti legati al 2016 denunciate in queste settimane da alcune associazioni – spiega Bianchi – nonostante la causa nei ritardi non sia della Regione ma degli uffici provinciali. Al di là delle responsabilità, la priorità resta trovare una soluzione immediata.
 
In occasione della giornata contro la violenza sulle donne – conclude Bianchi – voglio ringraziare tutti i volontari e gli operatori delle varie associazioni che si occupano di violenza di genere. Le nuove strutture, così come quelle già esistenti, sono una ricchezza per il nostro territorio e potranno funzionare al meglio solo grazie ad un forte spirito collaborativo tra le stesse associazioni ed Istituzioni. Ringrazio anche l’Assessore regionale ai Servizi Sociali Rita Visini e il Presidente Nicola Zingaretti che con il loro impegno hanno fatto del Lazio un modello nella lotta alla violenza di genere.
 

Tutti i dettagli qui

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

® 2013 Daniela Bianchi
Top