SCUOLA: PER PROGRAMMA ZINGARETTI PROPOSTA DI UN CAMPUS IN OGNI PROVINCIA AVVIO SPERIMENTAZIONE IN PROVINCIA DI FROSINONE

campus scuola bianchi

Gen 6, 2018 Cultura, dbnews 0 876 Views

Far nascere in ogni capoluogo di provincia della nostra regione un vero e proprio campus a disposizione degli studenti delle scuole secondarie, in cui i ragazzi possano restare anche nel pomeriggio per fare sport, studiare assieme e partecipare ad attività culturali. E’ uno dei progetti legati al mondo della scuola che propongo di inserire nel programma del Presidente Zingaretti e che potrebbe avere una prima sperimentazione nella città di Frosinone.

Così la Consigliera Regionale Daniela Bianchi, vice-Presidente della Commissione Cultura e Scuola alla Pisana.


In questi giorni è stato approvato l’ultimo Piano di dimensionamento scolastico voluto dalla Regione e attuato dal vice-Presidente Smeriglio che ha portato a centrare importanti risultati per i territori. In particolare per la provincia di Frosinone ci sarà l’accorpamento del liceo Artistico con il Classico di Cassino e l’introduzione di importanti insegnamenti come il nuovo indirizzo gestione delle acque e risanamento ambientale presso l’IIS San Benedetto e l’indirizzo sportivo presso il Liceo scientifico Pellecchia a Cassino, l’indirizzo di agraria presso l’IIS Pertini di Alatri e l’indirizzo legato alla pasticceria presso l’IIS Baronio di Sora. Scelte che hanno avuto l’apprezzamento del mondo scolastico e degli enti locali, ma adesso è necessario fare un passo un più.

La proposta – spiega la Consigliera Bianchi – prevede di sperimentare a Frosinone la creazione di un campus aperto tutto il giorno, con una mensa, mediateche, biblioteche e spazi aperti ai ragazzi. Qui gli studenti potranno trascorrere il pomeriggio studiando, facendo attività sportive, culturali e ricreative o semplicemente stando insieme con gli altri ragazzi.

La scelta di Frosinone come sede per sperimentare questa nuova idea di scuola secondaria non è casuale. Parte infatti da un confronto aperto da anni sul territorio frusinate, anche in vesti precedenti, e da un’analisi delle difficoltà vissute dagli studenti di scuola secondaria. Comuni distanti dal capoluogo sede principale delle scuole superiori di ogni ordine, lunghi e stancanti viaggi per andare e tornare dei ragazzi, poche occasioni per studiare insieme e per condividere la curiosità e la voglia di stare insieme. Tutte priorità per gli adolescenti.

La proposta di un campus viene incontro soprattutto a quegli studenti residenti in Comuni lontani dal Comune Capoluogo e che potrebbero avere un luogo dove poter trascorrere il pomeriggio in maniera autonoma e stimolante. Inoltre, sarebbe anche un modo per ridare slancio all’idea di una Frosinone città degli studi, in grado di dare nuovi servizi ai tanti studenti che la raggiungono ogni mattina dalle città circostanti.

-Questa è solo una proposta raccolta nel tempo – racconta Bianchi – che andrà discussa e approfondita per primo con studenti, insegnanti e dirigenti scolastici con cui spero si possa aprire subito un confronto pubblico. Parliamo infatti di un progetto ambizioso, in linea con quanto già fatto dalla Regione contro la dispersione scolastica e il diritto allo studio.

Penso ad esempio alla riorganizzazione della formazione professionale, al programma “Fuori Classe” da oltre 5,1 mln di euri, ai progetti dedicati ai ragazzi disabili con oltre 17 mln investiti, ai fondi spesi per dare a tutte le scuole del Lazio nuove attrezzature sportive, tablet e stampanti 3D o alle tante iniziative, sempre regionali, legate al contrasto alla violenza di genere, alla legalità, al mangiar bene. Senza dimenticare, per quanto riguarda lo studio universitario, il pagamento il raddoppio delle borse di studio, passate dalle 10mila del 2013 alle oltre 20mila del 2017.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

® 2013 Daniela Bianchi
Top